sabato 26 luglio 2014

RECENSIONE: L'imprevedibile viaggio di Harold Fry

Buongiorno ragazzi!! :)

Anche se oggi non è proprio quello che si potrebbe definire un "buon" giorno...piove incessantemente da sta notte, sembra ottobre qui da me, altro che fine luglio!! :(
Comunque, questo tempo uggioso mi lascia il tempo di scrivere una nuova recensione (dato che non posso uscire di casa...)!!

Oggi vi voglio parlare di un libro che ho scovato in biblioteca qualche mese fa, ma che ho potuto leggere solo la settimana scorsa!! Si tratta de L'imprevedibile viaggio di Harold Fry, di Rachel Joyce (che non ha niente a che vedere con QUEL Joyce, il James padre de The Dubliners e di Ulysses, eheheh :) )


TITOLO: L'imprevedibile viaggio di Harold Fry
AUTORE: Rachel Joyce
EDITORE: Sperling & Kupfer
PREZZO: € 17,90

DALLA QUARTA DI COPERTINA
Quando viene a sapere che una sua vecchia amica sta morendo in un paesino ai confini con la Scozia, Harold Fry, tranquillo pensionato inglese, esce di casa per spedirle una lettera. E invece, arrivato alla prima buca, spinto da un impulso improvviso, comincia a camminare. Forse perché ha con la sua amica un antico debito di riconoscenza, forse perché ultimamente la vita non è stata gentile con lui e con sua moglie Maureen, Harold cammina e cammina, incurante della stanchezza e delle scarpe troppo leggere. Ha deciso: finché lui camminerà, la sua amica continuerà a vivere. Inizia così per Harold un imprevedibile viaggio dal sud al nord dell'Inghilterra, ma anche dentro se stesso: mille chilometri di cammino e di incontri con tante persone, che Harold illuminerà con la sua saggezza e la forza del suo ottimismo.
Harold Fry è - a suo modo - un eroe inconsapevole, proprio come Forrest Gump: un uomo speciale capace di insegnarci a credere che tutto è possibile, se lo vogliamo davvero.


 Cosa ne penso

Il mio "fiuto letterario" non ha sbagliato neanche questa volta (sono una ragazza modesta, sì)!
All'inizio credevo che fosse banale e ripetitivo raccontare semplicemente la storia di un uomo che cammina: ok, Harold avrebbe compiuto un viaggio a dir poco notevole, ma non riuscivo a capire come avesse fatto l'autrice a riempire ben 310 pagine parlando "solo" di questo.
Mi pento di aver pensato tutto questo perché questo libro mia ha decisamente conquistata.

Harold Fry è un comunissimo (e forse banale) pensionato inglese, non ha amici, non intrattiene rapporti neanche con i vicini di casa, è schivo persino con sua moglie Maureen; il loro rapporto si è incrinato (irrimediabilmente?) vent'anni prima.
Ma quando riceve una lettera da una vecchia collega, Queenie Hennessy, malata di un cancro incurabile, Harold decide senza preavviso, senza aver pianificato niente, di camminare per consegnarle personalmente la sua risposta.
Perché è dopo l'incontro con un'apparentemente scialba ragazza che lavora a una stazione di servizio, che Harold decide che se continuerà a camminare, Queenie vivrà.
Il pensionato è spinto a proseguire questo viaggio dalla fede.
Kingsbridge, dove lui vive, e Berwick-Upon-Tweed, dove si trova Queenie, distano quasi mille chilometri e Harold non è assolutamente allenato per compiere una simile distanza.
Ma deve farlo, perché ha un antico debito con la sua amica.

Il viaggio di Harold Fry è stato per me come magnetico: ad ogni passo che faceva ero sempre più coinvolta anche io, non volevo che si fermasse, desideravo con tutto il cuore che continuasse a camminare per salvare la sua amica.
Harold ha avuto alti e bassi (ovviamente) durante il viaggio: mi sentivo sollevata ogni volta che trovava lo stimolo giusto per proseguire il suo cammino!

Leggendo mi sono resa conto che il suo non era solo un viaggio di speranza per salvare Queenie, ma anche un modo per affrontare il suo duro passato, cercare di ricordarlo e non perderne nessun attimo; è così che camminando, Harold recupera i suoi ricordi e accetta il suo passato.

Non vi voglio svelare troppo, ma vi dico solo che alla fine, quando anche per noi lettori la verità viene a galla, mi sono resa conto che non avevo capito cos'era successo in passato se non quando anche Harold e Maureen sono riusciti a fare finalmente un po' di chiarezza: insomma, Rachel Joyce secondo me ha scritto una storia bellissima, forte e triste allo stesso tempo!
Harold somiglia davvero (come è scritto anche nella quarta di copertina) a Forrest Gump: nel corso del suo cammino incontra varie persone che decideranno di aiutarlo e altre anche di seguirlo, e lui diventerà per loro una sorta di guru. Tutto questo confonderà il signor Fry, che non pensava che il suo viaggio diventasse così popolare, ma allo stesso tempo lo aiuterà a maturare e cambiare atteggiamento nei confronti del viaggio e di se stesso.

UNA LETTURA CHE CONSIGLIO CALDAMENTE!! :)
(Sto diventando sdolcinata con tutti i libri "toccanti" che ho letto finora!!)

GIUDIZIO FINALE: 4/5

Un abbraccio, Macicci


8 commenti:

  1. Avevo letto tempo fa un'intervista all'autrice di questo romanzo e mi era piaciuta un sacco, e questo libro era nella top ten dei libri che volevo leggere... Poi però, come mi succede spesso, se non prendo subito il libro viene soppiantato dai mille nuovi che entrano in wishlist :(
    Ma lo voglio assolutamente recuperare, sembra bellissimo!!
    Grazie per avermelo ricordato ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice di esserti stata utile! :) Se hai tempo leggilo perché a me è piaciuto veramente tanto! :)

      Elimina
  2. perché non mi presti il tuo fiuto?
    XD
    Ultimamente sto prendendo una cantonata dopo l'altra XD
    Accetto il tuo consiglio e mi segno questo libro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah mi sta andando particolarmente bene ultimamente in effetti :D
      Spero piaccia anche a te ;)

      Elimina
  3. Eccomi ^^ Grazie per essere passata da me :P Ho ricambiato volentieri ^^

    RispondiElimina
  4. Ah! Avevo aggiunto nel carrello il libro durante un ordine, per poi sacrificarlo per far spazio ad un altro. Vedrò di rimetterlo in lista :P

    RispondiElimina
  5. Ciao! Qualche tempo fa ho letto questo libro. Me lo ha consigliato mio zio e mi sono fidata. Anche io, subito, ho nutrito dei dubbi, ma alla fine mi ha conquistata. Bella recensione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! :) Bello sapere che anche a te, alla fine, è piaciuto :)

      Elimina

Lasciate un commento, sono sempre felice di leggerli e rispondervi! ♥