giovedì 23 ottobre 2014

RECENSIONE: Red Carpet

Buongiornoooo :)

Come va, lettori? E' solo qui da me o anche da voi c'è un fastidioso vento gelido che sta soffiando incessantemente da due giorni?? O.o
E' così rumoroso che la notte non dormo...

Vento a parte, ho saltato il day 6 del Blogger Love Project per concentrarmi ancora una volta sugli obiettivi che mi ero posta all'inizio del progetto, quindi...ecco pronta la recensione di Red Carpet, di Giorgia Penzo!! :)


TITOLO: Red Carpet
AUTORE: Giorgia Penzo
EDITORE: GDS
PREZZO: cartaceo € 16,90; ebook € 1,99

DALLA QUARTA DI COPERTINA
In un presente alternativo, il vampirismo non è più un morbo da debellare ma una risorsa sulla quale investire. Lo sa bene Elizabeth “Lise” Scott, giovane e arrivista responsabile delle negoziazioni alla Immortality Awaits Corporation, l’unica società al mondo in grado di rendere reale il più grande sogno dell’uomo: vivere per sempre. Elizabeth è un brillante avvocato specializzato nella difesa dei vampiri e il legale personale del presidente dell’Immortality Awaits, Ryan J. Constant, uno dei pochissimi pluricentenari in grado di trasmettere il virus dell’immortalità attraverso il proprio sangue. L’arrivo di Adam Reese, arrogante immortale del Vecchio Mondo con un conto in sospeso con il passato, costringerà Elizabeth ad affrontare la sfida più importante della sua carriera. Obbligata dalle circostanze e dal suo orgoglio, si ritroverà al cospetto di un misterioso tribunale segreto – la Corte di Erebo – in un processo che affonda le sue radici ai tempi della Rivoluzione francese.

Cosa ne penso

Ho iniziato a leggere questo romanzo speranzosa: non è un genere (urban fantasy) che mi attira molto, solitamente, ma la trama mi faceva ben sperare.
E avevo ragione.
Ho letto il libro in due giorni (complici i lunghi viaggi in treno e l'Ipod perennemente scarico che mi ha dato modo si passare il tempo solo leggendo...meglio così!), l'ho divorato, non vedevo l'ora di trovare un po' di tempo per continuare a leggere!

Era dai tempi di Twilight che non leggevo qualcosa sui vampiri (da tipo 5 anni, accipicchia), anche se questi qui hanno ben poco in comune con la famiglia Cullen.
Ovviamente anche in questo libro i vampiri sono creature bellissime, intriganti, seduttive, magnetiche, affascinanti ma anche predatori pericolosi e ammaliatori. Credo che ormai questi siano degli standard per qualunque parente di Dracula ;)
In ogni caso, ho apprezzato il fatto che in questo "presente alternativo" Ryan, Adam & Co. fossero perfettamente integrati nel mondo umano: i vampiri esistono, quindi sono liberi di comprarsi ville lussuose, macchine sportive, dare delle feste e, perché no, avere degli appuntamenti con gli umani; o meglio, con i mortali. 
Non devono nascondere la loro identità, sono persino giudicati secondo le leggi umane, tanto per ribadire il concetto che sono alla pari di tutti i mortali (tranne per il fatto che loro vivranno in eterno, ovvio).

E arriviamo finalmente alla protagonista del romanzo: Elizabeth Scott.
Avvocato, vive a New York e lavora all'Immortality Awaits Corporation, sia come legale di Ryan, capo dell'azienda, sia come responsabile delle negoziazioni: in parole povere, è lei che sceglie i perfetti candidati per ricevere il dono dell'immortalità.
Adoro questo personaggio, sul serio.
Una ragazza con le p...ehm, una ragazza determinata e forte, non la solita donnina che conosce il vampiro, se ne innamora e aspetta solo di essere salvata da lui; nessuna critica a Bella di Twilight, sia chiaro! Adoravo la sua romanticissima storia con Edward, solo che Elizabeth è "più donna", non è una ragazzina in cerca dell'amore della sua vita, ma una donna in carriera.
Ecco, devo dire che mi ha ricordato un sacco Miranda Hobbes di Sex and the City: avvocato, sempre al lavoro, professionale, cinica, ben vestita (i vestiti che Elizabeth sceglie sono sempre di alta moda anche se formali); anche lei si lascerà ammaliare da un bel vampiro, ma questa è una storia tutt'altro che romantica: Elizabeth pensa prima alla carriera, su questo non ci piove


Leggete il libro e ditemi se non ve la ricorda un sacco!!! Anche se Elizabeth non è rossa ma castana ;)

Insomma, ottimi personaggi e ottima trama aggiungerei: un mix di legge e storia che ho senza dubbio apprezzato (si vede che l'autrice ha interesse per la storia :) ).
E poi le ambientazioni: New York resta un pochino in secondo piano perché ospita solo la sede dell'Immortality Awaits Corporation e le abitazioni dei protagonisti, niente descrizioni o dettagli particolari...Però poi la storia si sposta a Versailles e le cose cambiano: ci sono descrizioni del palazzo e le sue meraviglie. Ottima scelta, suggestiva e imponente! :)

La reggia dall'esterno...

...e la magnifica sala degli specchi!!

L'avrete capito (anche dalla lunghezza del post...): il libro mi è piaciuto!!
Sicuramente lo consiglio: è una lettura leggera, piacevole e molto ben fatta! Stile scorrevole, personaggi non banali e trama sono perfetti per queste giornate che si accorciano sempre più e si avvicinano all'inverno! ;)
Ah e di sicuro leggerò il seguito, Asphodel!

E voi, lettori, avevate già sentito parlare di questo libro?
L'avete anche già letto? 
Ditemi le vostre impressioni/opinioni, sono curiosa!

Macicci

2 commenti:

  1. La trama di questo romanzo mi è sempre sembrata particolarmente intrigante.. ma non sapevo di queste magnifiche ambientazioni! Ora sono ancora più curiosa *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono rimasta piacevolmente sorpresa anche io nel ritrovarmi a Versailles *.*
      Ehm adesso che ci penso spero di non aver rovinato la sorpresa dicendolo.... :(
      Comunque leggilo leggilo :D

      Elimina

Lasciate un commento, sono sempre felice di leggerli e rispondervi! ♥