giovedì 22 gennaio 2015

La carica degli 80enni

Buonasera lettori cari, come state?
Come vi ho promesso ieri, eccomi qui all'opera con i post che avevo in mente di scrivere già da qualche giorno!
Per il momento niente recensioni dato che sono riuscita ad iniziare un nuovo libro solo ieri, e niente rubriche ancora perché ho voglia di sistemarle (di nuovo)...

Quindi, oggi vi propongo un post un po' particolare: no, non vi parlo di una rivisitazione de La carica dei 101, ma proprio di loro, dei cari dolci e teneri 80enni!! Dei nostri nonnini insomma ;)


Mi spiego meglio: qualche settimana fa ho fatto un giro in libreria e i libri che mi colpivano di più avevano tutti come protagonista, fatalità della sorte, un arzillo ottantenne (o anche più vecchio eh!) combinaguai.
Eh sì, ultimamente sono usciti parecchi libri che parlano di nonnini avventurosi e intraprendenti, quindi ho deciso di farvene conoscere qualcuno, nel caso non vi foste accorti di questa nuova "moda" dei protagonisti vecchietti! ;) 

Cominciamo con La fantastica storia dell'ottantunenne investito dal camioncino del latte, di J.B. Morrison ed edito da Corbaccio          (€ 14,90 il cartaceo), forse un titolo già conosciuto.

Frank, neo-ottantunenne, abita con il gatto Bibì in una tipica cittadina inglese; colleziona dvd, sperpera i suoi pochi denari alle fiere parrocchiali e tenta disperatamente di evitare gli scocciatori che bussano alla sua porta. Prima era abbastanza in gamba per riempire decorosamente le sue giornate, ma ora con un braccio e un piede fratturati, la vita gli appare decisamente grigia. Fino a quando non fa irruzione nel suo tran-tran Kelly Natale, professione assistente a domicilio. Con la sua utilitaria azzurra, un parcheggio da far rizzare i capelli in testa, una serena tenacia e la risata pronta, Kelly trasforma la vita di Frank. E gli ricorda che fuori dei muri di casa c'è un mondo avventuroso per chiunque, anche per chi ha ottantun anni.

Forse mi ispira più il titolo che la trama in sé del libro, ma devo dire che anche quella ha un suo "fascino"...

Continuiamo la scoperta dei nostri libri sui "vecchietti" con Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve, di Jonas Jonasson edito da Bompiani (€ 17,90, in super sconto su ibs.it a       € 8,95!!!), forse il più celebre tra i libri sui nonnetti.

Allan Karlsson compie cento anni e per l'occasione la casa di riposo dove vive intende festeggiare la ricorrenza in pompa magna, con tutte le autorità. Allan, però, è di un'altra idea. Così decide, di punto in bianco, di darsela a gambe. Con le pantofole ai piedi scavalca la finestra e si dirige nell'unico luogo dove la megera direttrice dell'istituto non può riacciuffarlo, alla stazione degli autobus, per allontanarsi anche se non sa bene verso dove. Nell'attesa del primo pullman in partenza, Allan si imbatte in un ceffo strano, giovane, biondo e troppo fiducioso che l'attempato Allan non sia capace di colpi di testa. Non potendo entrare nella piccola cabina della toilet pubblica insieme all'ingombrante valigia cui si accompagna, il giovane chiede ad Allan, con una certa scortesia, di vigilare bene che nessuno se ne appropri mentre disbriga le sue necessità. Mai avrebbe pensato, il biondo, quanto gli sarebbe costata questa fiducia malriposta e quella necessità fisiologica. La corriera per-non-si-sa-dove sta partendo, infatti. Allan non può perderla se vuole seminare la megera che ha già dato l'allarme, e così vi sale, naturalmente portando con sé quella grossa, misteriosa valigia. E non sa ancora che quel biondino scialbo è un feroce criminale pronto a tutto per riprendersi la sua valigia e fare fuori l'arzillo vecchietto. Un centenario capace di incarnare i sogni di ognuno, pronto a tutto per non lasciarsi scappare questo improvviso e pericoloso dono del destino.

Ecco, a differenza del precedente questo mi attira mooolto di più!
Cioè, qui si parla di un CENTENARIO, altro che ottantenni!! :D
A parte questo mi sembra un libro ironico e dolce allo stesso tempo; è più o meno un mese che l'ho addocchiato e magari questa è la volta buona che lo prendo, dato lo sconto su ibs...

E ora, dei vecchietti "tutti italiani" che arrivano direttamente dalla casa di riposo Villa delle Betulle! Chi sono? I "quattro di Rete Maria" sono i protagonisti de L'audace colpo dei quattro di Rete Maria che sfuggirono alle Miserabili Monache, di Marco Marsullo ed edito da Einaudi (€ 16,50).

Casa di riposo Villa delle Betulle. Agile è un vecchiaccio con un odio viscerale per tutto, tranne che per i suoi compari: Guttalax, così chiamato perché "più stitico di un bambolotto", sempre pronto ad assecondare chiunque; Rubirosa, dal nome dell'ex playboy Porfirio Rubirosa, i capelli tinti di nero e una smaniosa attrazione per qualsiasi donna gli capiti a tiro, purché over 60; e Brio, il braccio armato del gruppo, che in tasca nasconde una fionda con la quale, nonostante il Parkinson, è un cecchino. I quattro devono vedersela ogni giorno con Capitan Findus, ex ammiraglio della marina in pensione, e i suoi due scagnozzi per il controllo della casa di riposo. Quando le "Miserabili Monache" dell'ordine di santa Lavinia d'Oriente organizzano una gita a Roma per la beatificazione di Giovanni Paolo II, Brio propone agli amici un piano segreto: scappare, occupare la sede di Rete Maria, annientare padre Anselmo da Procida con la sua insopportabile zeppola, e recitare in diretta il rosario delle diciotto, finalmente come Dio comanda. Agile coglie la palla al balzo: a Roma vive Flaminia, la donna che cinquanta anni fa gli ha spezzato il cuore, e lui deve ritrovarla. Un'avventura scatenata e scorrettissima, che racconta l'ultimo, disperato, tragicomico guizzo di libertà di quattro vecchi amici prima del tramonto.

Non conoscevo questo libro, l'ho scoperto curiosando qua e là, ma mi sembra decisamente simpaticissimo! Non so bene l'età dei protagonisti, ma di sicuro rientrano negli over 60 ;) 

Tanti libri sui vecchietti, sì, ma le nonnine?! Ci sono anche loro, niente paura! Chiudo in bellezza proprio con loro, Le arzille vecchiette dell'autobus 21 di Cira Santoro, edito da Minerva Edizioni (€ 9,90).

Forse un modo di leggere questo libro è portarlo con sé nei viaggi in autobus, qualunque autobus di qualunque città italiana, così da riconoscere i personaggi, i tipi, le situazioni e guardarli con gli occhi delle arzille vecchiette per non arrabbiarsi e riderci sopra. Short stories, storie brevi ma intese come piccole istantanee, raccontano il microcosmo dell'autobus. I discorsi occasionali, le frasi che si colgono in una conversazione al cellulare, gli sguardi, le persone in questo libro diventano brandelli di vita, piccoli quadri in cui sono racchiusi pensieri, sensazioni, sentimenti di un anno da pendolare vissuto insieme alle arzille vecchiette dell'autobus 21 che, con il loro accento bolognese e la tolleranza propria di questa città rappresentano una sorta di resilienza all'alienazione metropolitana.

Anche questo mi sembra un libro molto ironico e divertente, mi piace il fatto che siano delle short stories, magari da leggere una o due al giorno per ridere un po' :)

E' tutto lettori, che ne dite di questa carrellata di libri sui nonnini? Vi è piaciuta?
Spero tanto di si, io mi sono divertita a proporveli! :D
Conoscevo anche qualche altro titolo ma non volevo esagerare, magari vi preparo un altro post con la seconda parte dei libri sugli ottantenni!
Macicci

10 commenti:

  1. Che post originale. Voglio leggere il centenario, me ne hanno parlato tutti molto bene ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me, credo che lo leggerò non appena ne avrò l'occasione! :)

      Elimina
  2. ahahaha hai ragione! sarà che la popolazione è sempre più vecchia ed è giusto accontentare gli anziani scrivendo libri di loro possibili eroi! ahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici? :) Comunque sono dei protagonisti simpatici! :D

      Elimina
  3. Io ho letto L'audace colpo dei 4 di Rete Maria che sfuggirono alle miserabili monache.... molto divertente, con un finale amarognolo.
    E aggiungo alla tua lista Le sultane di Marilù Oliva, che è.... terribile!!! Sono tre vecchiette che spero di non incontrare mai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, "Le sultane di Marilù Oliva" non lo conoscevo..ma sembra essere simpatico come gli altri! :)

      Elimina
  4. Ciao. io sono una fan dei vecchietti!!!
    E anche io ho letto 'L'audace colpo dei 4 di Rete Maria ecc...' Ti confermo che sono ultra settantenni.
    Agli 'appasionati' segnalo anche
    L'uomo che metteva in ordine il mondo di Fredrik Backman
    E poi, Paulette... di Barbara Constantine
    con un poco di zucchero di Enzo Fileno Carabba (che però a me non è piaciuto molto)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per aver aggiornato la lista, magari li includo se farò un altro post a tema vecchietti ;)

      Elimina
  5. Ogni volta questo post mi fa ridere, già i titoli dei libri che proponi sono tutti un programma, quando rileggo il titollo "La carica degli ottantenni" mi immagino davvero una carica. Mi spiace di non poter aggiungere un qualche titolo come gli altri, ma metto tutto in wish list.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere ti faccia ridere, era anche questo lo scopo del post ;) sembrano tutti libri simpatici e carini, da leggere di sicuro!

      Elimina

Lasciate un commento, sono sempre felice di leggerli e rispondervi! ♥